Venerdì, 26 Marzo 2021 21:32

PARTE A CASAGIOVE IL NUOVO SERVIZIO DI IGIENE URBANA

 

 

Da lunedì 29 marzo parte a Casagiove il nuovo servizio di igiene urbana, raccolta e trasporto rifiuti, curato dalla DHI SpA. Tante le novità volte a rendere il servizio più efficace ed efficiente. Tra esse Junker, l’app per smarphone che aiuta i cittadini e fare bene la raccolta differenziata senza più commettere errori.

Da lunedì 29 marzo partirà a Casagiove il nuovo servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti e di igiene urbana curato dalla DHI S.p.A, la società vincitrice della gara d’appalto istruita dal Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche. All’azienda di Pastorano è stato affidato il servizio di igiene urbana della città per i prossimi tre anni.

In una conferenza stampa tenutasi ieri pomeriggio presso l’aula consiliare del comune, presenti il sindaco, Giuseppe Vozza, il consigliere con delega all’ambiente, Valerio Cappio e la dirigente della DHI S.p.A, Miriam D’Aiello, sono state illustrate tutte le novità del servizio. Eccone alcune: derattizzazione, disinfezione, disinfestazione, servizio personalizzato per le utenze non domestiche, isola ecologica mobile itinerante, campagne di sensibilizzazione nelle scuole e molto altro.

La parola chiave inserita nello slogan coniato dall’ufficio comunicazione del comune è “protagonisti”. Lo slogan PROTAGONISTI della nostra CASAGIOVE COMUNE che accompagnerà il servizio, giocando sulla radice del toponimo del comune, fa proprie le parole usate da Papa Francesco nel sottotitolo dell’enciclica sull’ecologia integrale.

La volontà dell’Amministrazione comunale e della DHI è quella di dare una svolta sotto il profilo ambientale alla città. Si vuole che Casagiove ritorni ad essere così come era unanimamente riconosciuta un tempo in ambito territoriale: una comune pulito e vivibile.

Per raggiungere gli obiettivi prefissati, come ha affermato il consigliere Cappio in conferenza stampa, è necessario l’impegno di tutti: il Comune deve vigilare sul rispetto del contratto; l’azienda affidataria deve rispettare gli impegni presi sanciti nel capitolato; agli operatori ecologici è richiesto di aggiungere ulteriore passione nel lavoro che svolgono così prezioso per la collettività; ed infine i cittadini i quali devono sentirsi non solo partecipi ma protagonisti di questo cambiamento, impegnandosi a fare una raccolta differenziata senza errori.

Proprio per facilitare la vita ai cittadini, il Comune di Casagiove ha adottato e messo a disposizione Junker, un servizio fruibile tramite APP (per smartphone Android o Apple) che riconosce con un solo clic quello che stiamo gettando e ci dice come fare secondo la normativa del nostro territorio. Un sistema tanto semplice da essere rivoluzionario e nello stesso tempo divertente: scansionando il codice a barre del prodotto o dell’imballaggio, Junker lo riconosce grazie ad un database interno di oltre 1 milione e mezzo di prodotti e ne indica la scomposizione nelle materie prime e i bidoni a cui sono destinati. Basti fare l’esempio delle buste di carta con finestra di plastica, oppure delle confezioni di caffè, delle bottiglie in pvc o MaterBi e via discorrendo. E che fare con il Tetrapak che in alcune Regioni si smaltisce insieme alla carta e in altre con la plastica?

JUNKER, già a disposizione gratuitamente per tutti i cittadini di Casagiove, dà anche la possibilità all’amministrazione di comunicare direttamente molte altre informazioni: ubicazione dei punti di raccolta, percorsi, calendari del porta a porta, indicazioni per i rifiuti speciali, segnalazione degrado ecc., in tal modo si previene anche il rischio di sanzioni indesiderate.

JUNKER è una APP, unica in Italia e in Europa, che ha riscosso un notevole successo diffondendosi rapidamente in tutto il Paese perché offre un servizio rapido, di facile utilizzo, accurato e completo, aperto ai contributi degli utenti.

Come è nata l’idea alla base di Junker? Risponde Noemi De Santis, cofondatrice della APP: “Con i miei soci ci siamo chiesti se la tecnologia oggi non ci potesse dare un modo più veloce e preciso di sapere come differenziare i prodotti. Ne è scaturita l’idea di partire dal codice a barre per riconoscere univocamente i prodotti che usiamo e associarli ai materiali di cui sono costituiti in un servizio semplice da usare, sfruttando lo smartphone. In Junker siamo molto orgogliosi di vedere crescere il consenso degli utenti così rapidamente in tutta Italia e di poter offrire alle amministrazioni uno strumento finalmente efficace per permettere i propri cittadini di differenziare senza dubbi o errori”.

Miriam D’Aiello manager della DHI S.p.A ha voluto mettere in luce l’impegno profuso dalla sua azienda: "L' obiettivo principale che ci prefissiamo è quello di far conoscere ai cittadini e stakeholder le nuove modalità di raccolta e i servizi forniti nella nostra offerta migliorativa non trascurando le azioni di sensibilizzazione, in particolare sulle giovani generazioni, sull’importanza della raccolta differenziata, del riciclo e del rispetto per l’ambiente"

Il sindaco Giuseppe Vozza ripone una grande fiducia nel futuro: “Venti anni fa quando ho concluso il mio secondo mandato di sindaco, avevo lasciato Casagiove come uno dei comuni in provincia con la più alta percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti. A settembre scorso ho ripreso la guida della città riscontrando che sulla raccolta differenziata siamo adesso agli ultimi posti come quantità e qualità. Il bando di gara che ha portato all’affidamento dell’incarico alla DHI è stato indetto dal Commissario prefettizio. Tocca però a noi vigilare affinché il servizio svolto dalla società affidataria mantenga costantemente elevate prestazioni. Chiedo ai cittadini di darci una mano soprattutto agli adolescenti e ai giovani: diventate voi educatori ambientali verso gli adulti, utilizzate l’app Junker. Potrete contribuire a salvare il pianeta divertendovi.”

 

Ultima modifica il Venerdì, 26 Marzo 2021 21:39
Torna all'inizio del contenuto